Iscriviti alla Newsletter
Igiene e sicurezza
Articoli
H.A.C.C.P.

La C.M.L. Vesuvio S.r.l. segue svariate aziende leader nel settore alimentare per la Realizzazione di sistemi di autocontrollo H.A.C.C.P. (Hazard Analysys Critical Control Point, Analisi di rischio e punti critici di controllo).
Dal 2007 tale gestione viene svolta in ottemperanza al D.Lgs n° 193/07 (attuazione della Direttiva CE 41/2004) pubblicato sul supplemento ordinario n° 228 della Gazzetta Ufficiale n° 261 il D.Lgs. .
Tale Decreto abroga il D.Lgs. 155/97, nato inizialmente dal recepimento delle direttive 93/43/CEE e 96/3/CEE e dal 1° Gennaio 2006 sostituite dal Regolamento CE 852/2004.
L'implementazione del Sistema di Autocontrollo si basa sul metodo H.A.C.C.P., obbligatorio dal 1998 (D.Lgs. 155/97) e attualmente prescritto dall' art. 4 e 5 del Reg. CE n°852/04.
TaleRegolamento obbliga le aziende del setore alimentare una valutazione documentata dei rischi igienico-sanitari presenti al suo interno in ogni fase della lavorazione dell'alimento secondo il metodo H.A.C.C.P. e la conseguente attuazione di un sistema di prevenzione del rischio al fine di salvaguardare la salubrità dell'alimento e tutelare quindi la salute del consumatore.
L’operatore del settore alimentare che omette la predisposizione di procedure di autocontrollo basate sui principi del sistema HACCP sarà punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da € 1.000,00 a € 6.000,00.
Gli operatori del settore  interessati a tali adempimenti sono tutti i soggetti pubblici o privati con o senza fini di lucro che esercita una o più delle seguenti attività: settore primario (prodotti della terra, dell'allevamento, della caccia e della pesca), mangimi, preparazione, trasformazione, fabbricazione, confezionamento, deposito, trasporto, distribuzione, manipolazione, vendita e fornitura compresa la somministrazione dei prodotti alimentari.
La C.M.L. Vesuvio offre a tutte le aziende interessate i seguenti servizi:
•    Sopralluogo aziendale per la verifica dei processi alimentari e di tutti i potenziali rischi;
•    Individuazione di adeguate misure correttive e individuazione dei punti critici;
•    Esecuzione di Tamponi  (conta batterica di superfici);
•    Monitoraggio dei punti critici attraverso la predisposizione di schede di registrazione apposite;
•    Elaborazione del Manuale di autocontrollo e relative Procedure Operative;
•    Formazione del personale;
•    Verifiche periodiche ispettive interne;